07 maggio, 2015

LE BALLAD PER ANASTACIA

Molte delle canzoni di Anastacia hanno significati importanti, testi che, anche se raccontano dei suoi disagi, del suo passato, di ciò che ha imparato negli anni, sembrano scritti per chi li ascolta in quel momento.
E' proprio nell'intervista per il themusic.com che lei ci spiega quanto le sia stato d'aiuto scrivere quelle ballad durante il periodo della malattia:

"Volevo ricongiungermi con l'artista che sono" dice "e quell'album mi ha aiutato molto a farlo, ad innamorarmi del mio dono di nuovo. Quando ho cantato Stay per i miei amici, ho pianto un paio di volte, e dopo anche i miei amici non riuscivano a fermarsi dal piangere. Quindi mi sono resa conto di aver scritto delle canzoni che toccavano fino a suscitare profonde emozioni, e anche molte ballad che non pensavo di riuscire a scrivere, e quella fu una sorpresa."



"Verso i 20 anni, ho iniziato a scrivere i miei sentimenti perchè ho iniziato a cercare di trovare il modo di esternarli, raccontare alle persone ciò che sentivo. Non ero molto brava, ma mi resi conto che mi avrebbe aiutato con le difficoltà del morbo di Chron. Il mio dottore disse 'Forse è meglio se esterni ciò che hai nel cuore, perchè non puoi tenerlo dentro, rischierebbe di consumarti.' E così capii, abbastanza a malincuore. Da allora quando devo scrivere una canzone, scrivere di emozioni non mi risulta difficile." 

QUI l'articolo originale.

Francesco