06 novembre, 2015

TRADUZIONE» INTERVISTA AL SITO SVIZZERO "BLUEWIN"

In piena fase promozionale oggi è stata pubblicata l'intervista per il sito svizzero Bluewin.chCon loro, Anastacia ha parlato dei fan italiani e svizzeri, del suo "rapporto" con gli Stati Uniti e del la sua idea di fare musica oggi. Di seguito trovate la traduzione di tutto ciò che ha detto.

"La potente voce è tornata: il bomber delle classifiche Anastacia parla del suo amore per la Svizzera, del perché si sceglie di ascoltare la sua nuova musica e della mastectomia che ha fatto.
Anastacia, sei così popolare in Svizzera come in quasi tutti gli altri paesi, hai una spiegazione? 
In Italia i fan sono folli quasi come in Svizzera. (ride) La casa discografica mi ha detto che c'è stato un periodo in cui uno svizzero su tre possedeva un mio album. Questo è folle. Non ho idea da dove venga questo affetto. Ma certamente non c’è da lamentarsi

Nella sua patria, gli Stati Uniti, la grande svolta è stata negata, le da fastidio o lo se ne fa una ragione? 
Sicuramente mi sono rassegnata. C'è stato un periodo in cui mi mancava avere il successo nel mio Paese. Il problema è stato che alcuni capi importanti della mia casa discografica sono stati sostituiti nei momenti decisivi. Soprattutto, l'uomo che si sarebbe occupato del mio airplay nelle radio. Senza radio non si può sfondare negli Stati Uniti. Ho un sacco di fan negli Stati Uniti, ma ho più pubblico in Europa. 

Il suo nuovo singolo "Take This Chance" è una ballata più contenuta...
Esatto, questo singolo è giusto per me e la mia situazione attuale. Si adatta al mio periodo. Nel best of si possono ascoltare due nuove canzoni. Una è più nello “stile Anastacia”, a cui la gente è abituata, mentre l’altra è questa piuttosto tranquilla che ho a cuore.
Natale è vicino, volevo cantare qualcosa che desse speranza all'uomo. Oggi ho pubblicato quello che fa bene alla gente - non necessariamente quello che ottiene il maggior numero di clic. Alla mia età non devo battere Justin Bieber, in termini di vendite, hai capito? Questo non è il mio obiettivo. Si cresce. Alla mia età si opta per una buona musica tranquilla. 

Visto che ha appena citato la sua età: userà ancora la sua età “finta”? 
No, ho smesso. All’inizio nessuno sapeva che ero più grande di sette anni. La mia famiglia è molto fortunata con i geni, abbiamo tutti un aspetto molto più giovane. Inoltre, mi sono sempre vista più giovane e nessuno ha dubitato sulla mia età. Quindi è stato un gioco facile per la mia casa discografica non farmi dichiarare 30enne.
Quando poi ho cambiato etichetta discografica mi è sembrato il momento giusto per fare piazza pulita. Non volevo più mentire, durante le interviste ero come stordita perché dovevo sempre ricalcolare gli anni (ride). Quando sono stata in grado di essere onesta è stato un grande sollievo. 

Però sei stata sincera quando si trattava di cancro, come stai adesso? 
La mia salute è fantastica. Davvero. Oggi sono una donna felice e più sana che mai. Lo dimostra anche il mio nuovo singolo. Ora so che non devo essere sempre quella (cantando ad alta voce) "I’m outta love, set me free..” , anche se questa è una grande canzone. Ci possono essere anche momenti pacifici e tranquilli; va bene così. 
Con il mio cancro al seno mi sono riconciliata e mi ha reso una donna felice.

Il fatto che questa fosse la seconda diagnosi ha influenzato la scelta della mastectomia? 
Assolutamente sì. Vede, la prima volta mi è stato detto che c'era solo una piccola possibilità che il mio cancro tornasse. Pertanto, mi è stato spontaneo sentirmi rassicurata e ho continuato a vivere la mia vita. Pochi anni dopo ho avuto uno shock enorme, perché ho scoperto che il cancro era tornato. Col senno di poi, la paura era infondata, ma è stato un big bang per me: ho raccolto tutte le informazioni relative mastectomia e ho pensato intensamente sul l'idea di andare a togliermi il seno. Quando ho avuto un piccolo intervento alla fine del 2005, ho pensato a questi piani - e ho sperato di non avere mai bisogno della mastectomia. 
Perlomeno adesso sapevo che avrei avuto una soluzione in caso di emergenza, se il cancro fosse ritornato. Nel 2013 ho potuto prendere questa decisione con calma, perché mi ero preparata da molto tempo. Ero alla seconda diagnosi e non ero più scioccata, perché sapevo che ci sarebbe stato un modo. E' strano dire che andava bene di avere il cancro ancora una volta, ma è quello che è stato per me. 

Quindi aveva dovuto annullare il tour europeo a causa della malattia. C'è la possibilità di rivederla presto in Svizzera dal vivo sul palco? 
Sicuramente. Non posso garantire che io venga in Svizzera, ma adesso farò esattamente ciò che la gente fa di solito quando lancia un nuovo album: ci saranno le informazioni per partecipare ai concerti. 
La vita è molto diversa quando non si è più malati. Non vedo l'ora che arrivino questi concerti, e spero di poter venire in Svizzera. L'ultima volta sono stato a Zurigo ed è stato assolutamente fantastico. Non solo sono popolare in Svizzera, ma anche la Svizzera mi sta molto a cuore."

Lorenzo