17 novembre, 2016

INTERVISTA» "SONO GRATA DELLA MIA CARRIERA"

E' stata pubblicata l’intervista di Anastacia, rilasciata la scorsa settimana a Official Charts, per il lancio del primo album live “A4App”. Il giornalista Jack White è stato a Londra con la cantante americana per parlare del suo innovativo album live, di un ipotetico album natalizio, e delle sue opinioni riguardo il nuovo Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Qui la nostra traduzione dell'intervista.

Hey Anastacia! Hai annunciato recentemente una seconda parte del tuo Ultimate Collection tour per il 2017. Ti senti davvero a casa nel Regno Unito, non è vero? 
Essendo un’americana e dato che la mia carriera ha avuto molto successo in Europa, stare qui [a Londra], mi ha fatto sentire così bene in un Paese dove la lingua non è un ostacolo. Mi ha ricordato New York, Chicago - molto metropolita. Poi l'umorismo del Regno Unito è qualcosa che amo e adoro. Volevo avere la diplomazia e la modestia della vostra cultura, non so se... sicuramente non ha funzionato! Ma spero che dopo 10 anni, sappia quali armi usare! 

Tu ami il Regno Unito, ma cosa sta succedendo negli Stati Uniti? Prenderesti in considerazione di trasferirti qui dopo quello che è successo nelle elezioni presidenziali?
Non è un fatto di movimento politico per me. Ho votato per Hillary quindi mi limito a questo. Non ho più da dire in proposito. Ho un presidente eletto e non guardo il negativo, guardo la realtà. La realtà è quella in cui siamo.

Di solito nella tua carriera hai avuto più successo nel Regno Unito e in tutta Europa. Perché secondo te?
Oh, ho il 100%. Non so il motivo esatto, ma posso darti un'idea di quello che può essere accaduto. Il mio primo disco è stato programmato per essere pubblicato in America, con il lancio nelle radio e tutto il resto. Ero con la Sony Worldwide, ma, dato che avevo firmato come artista americana, stavano cominciando il lancio con l'America. Ad ogni modo è successo qualcosa con la promozione radiofonica, qualcuno ha fatto impazzire qualcun altro; è successo qualcosa con la mia pubblicazione. Non so nulla e non riesco a capirlo. Allo stesso tempo il mio nome ne faceva parte, quindi penso di essere stata messa nella lista nera dalle radio. 

Il tour include tutti i più grandi successi. Conterrà anche un po’ di nuovo materiale? 
Qui entra in gioco la mia applicazione! Quando le persone hanno apprezzato le hit, di solito, hanno gradito anche il materiale che è uscito in un determinato album. È per questo che ho voluto regalare ai fan una scelta: se potessi scegliere una canzone che era una b-side o semplicemente nell’album, quale sogneresti di sentirmela cantare dal vivo?
Ho preso circa 13 canzoni che ho ritenuto essere le più richieste. Direi che, probabilmente, solo tre di queste non le avevo mai cantato sul palco. Nella mia vita. Fuori da uno studio di registrazione. E non riesco nemmeno a ricordare quando è stato! Un sacco di quei brani, li ho scritti, incisi e poi basta. Il tour sembrerà con nuove canzoni per coloro che verranno.


Sei molto gentile con i tuoi fan, Anastacia... 
Ma è quello che dovrebbe essere! Per me è sempre stato così. Fin dall'inizio, come ho chiamato i miei fan? Fanily. 17 anni, con me al centro. Altre persone li chiamano con una combinazione del loro nome... come il Beyhive o altro, che è carino, ma per quanto mi riguarda, non riesco a credere che tutte queste persone che non conosco mi trattino come se fossi una parte della loro famiglia. 
Mi amano quando faccio cose sbagliate, quando sto male. Sono lì per me e mi conoscono... ma quanto mi conoscono? [Ride] Quello di cui non ti rendi conto scrivendo queste canzoni è che se i fan si legano a quelle canzoni, si legano a te. 

Natale si sta avvicinando; considereresti mai di fare un album di canzoni natalizie?! 
Sono così entusiasta su questo! Penso che ci sia così tanta pressione quando si fa una cosa del genere. Ho fatto un album di cover ed è piaciuto, ed è stato un concetto super figo - mi è piaciuto come ritornavo indietro ad una scuola musicale che non avrei mai potuto immaginare di affrontare. 
Non escluderei un album di Natale. Mi piace il Natale e non escluderei una canzone, un album, che venga pubblicato a Natale! [Ride] Un intero album mi sembra molto lavoro, e poi si potrebbe solo cantare a Natale. Ma se facessi una o due canzoni per il mio prossimo album che uscirà a Natale, potrebbe accadere. Forse un po' di Santa-stacia ha bisogno di venire fuori. 

Hai 14 Top 40 nel Regno Unito, ma il numero 1 dei singoli ti sfugge finora, anche se hai un album numero 1. Questa caccia al numero 1 ti ha mai spronato? 
Grazie per avermelo ricordato! Questa intervista è finita! [Ride] E’ interessante. Non guardo i numeri primo, secondo, terzo... bado a pagare il mio affitto! Essere in grado di avere ancora una carriera dopo 20 anni, queste sono le cose su cui concentrarsi. Se un numero 1 potrà accadere nella vita da qualche parte lungo il percorso è fantastico, ma questo non è mai stato il mio obiettivo. Non mi sprona, sono stata molto fortunata ad avere là fuori il successo che accade solo a poche persone nella loro vita e ne sono grata.

Eri eccezionale a Strictly Come Dancing, anche se avevi i tuoi alti e bassi. Qual è la cosa più grande che ti porti dallo show? 
Accrescere la consapevolezza del cancro al seno. Questo al 100% è il motivo per cui l'ho fatto. Sicuramente ero molto più mortificata di essere fuori dallo show perché non ho potuto continuare ad essere la loro sostenitrice. Avendo affrontato l'intervento che ho fatto, e quindi avendo avuto un vero infortunio nella zona precisa dell’intervento, per poi ancora stare nello show. Sentivo che stavo facendo sapere a tutti che io ero con loro. 
Ero triste di essere uscita perché volevo continuare [a sensibilizzare l'opinione pubblica], ma imparare una danza in tre giorni non è proprio così facile come sembra. La gente diceva che stavo andando così bene, ed io pensavo: “Voi ragazzi non ne capite”. Sono una ragazza bianca con il ritmo, ma ora ho iniziato a imparare questi balli... sono solo una ragazza bianca!

Lorenzo