17 novembre, 2017

INTERVISTA» "IL CANCRO FA PARTE DELLA MIA VITA"

Dopo essere stata in Russia per promuovere il nuovo album in radio, Anastacia è arrivata in Svizzera e da poche ore ha rilasciato una veloce intervista, botta e risposta, in occasione della sua partecipazione al noto evento Energy Star Night che si terrà questa stasera a Zurigo presso la Hallenstadion arena. "La cantante americana racconta in un'intervista personale perché trascorrerà il Natale all'ospedale, come ha dormito da piccola nel soggiorno e perché ama gli occhiali bizzarri." Di seguito trovate la nostra traduzione:

"Anastacia , che tipo di cover ha il tuo smartphone?
Una foto del mio buon amico Patrick. [La mostra urlando] Me l'ha mandata perché mi sono lamentata con lui che per la prima volta ho un iPhone e ne sono completamente sopraffatta per il funzionamento.

Come ti saresti chiamata se fossi stata maschio?
Non ne ho idea, il nome del mio fratellino è Brian. Quindi forse era destinato a me.

Quali verdure dovrebbero essere vietate?
Cipolle! Non sono verdure, ma mi infastidisce ogni volta che ordino verdure cinesi ci sono un centinaio di tipi diversi di cipolle.

Che tipo di frutto vorresti essere?
Una mela! C'è un detto: "Una mela al giorno toglie il medico di torno". Dovrei sicuramente aver mangiato più mele da bambina.

Se la tua vita fosse un film, quale attrice dovrebbe interpretare il tuo ruolo?
Meryl Streep, è troppo vecchia, ma è assolutamente un'attrice fantastica. Altrimenti Jennifer Lawrence, non ci assomigliamo, ma sarebbe una versione interessante di me.

Quando eri bambina, cosa ti diceva sempre tua madre?
Che dovevo mangiare meno zucchero (ride). E mentre crescevo, "Non giudicare un libro dalla copertina, perché molta gente non è ciò che sembra a prima vista."

Senti dolori?
Al momento da nessuna parte. Ma i miei tacchi alti mi hanno quasi ucciso prima. Ecco perché indosso le scarpe da ginnastica.

Ti senti in colpa se non mangi il tuo piatto?
No. Soprattutto negli Stati Uniti, le porzioni sono enormi, perciò non puoi mangiare tutto.

Hai una carta donatrice di organi?
Certo! Anche se non ho molti organi sani rimasti.

Quale musica dovrebbe essere suonata al tuo funerale?
Non ne ho idea, questo è ciò che i miei fan dovrebbero decidere. Ma so che non voglio essere seppellita da nessuna parte.

In che modo vorresti ridurre il tuo carico di lavoro per essere enormemente più felice?
Ho il grande privilegio di non dover lavorare per soldi, lavoro perché amo il mio lavoro.

La migliore cosa della tua vita finora?
Bene, sono una cantante! (Ride) Non è stato così facile. Ho fallito molte volte prima di essere scoperta. E anche quella è stata fortuna. Anche se ho sempre avuto quel talento in me, nessuno lo ha riconosciuto. 
E quando ho pensato che il mio tempo fosse scaduto, ho ottenuto il mio primo contratto discografico a 30 anni.

E la cosa più stupida?
Quando ho lasciato la mia casa discografica Sony per lealtà al mio agente. E 'stata una decisione negativa.

Quale desiderio hai dovuto abbandonare definitivamente?
Ero sempre stata sicura che avrei avuto dei figli. Oggi so che non è il mio destino. 

Hai un tatuaggio?
Ne ho sei in tutto, ma ne ho modificati e ingranditi tre.

Il miglior consiglio che tu abbia mai ricevuto?
Probabilmente quello del mio manager all'inizio della mia carriera: "Divertiti!". Mi ci è voluto un po' per farlo mio, ma oggi mi diverto ogni giorno.

Quale musica ha influenzato in maniera massiccia la tua vita?
Sono cresciuta con la collezione di musica di mia madre di Barbra Streisand. E quando dovevo indossare gli occhiali da bambina, volevo davvero sembrare Elton John mentre li indossava. Ne avevo quattro di colori diversi. Ho fatto il laser agli occhi nel 2005, ma ho ancora gli occhiali comunque. Nascondo anche il mio enorme naso.

Quando avevi 16 anni, che aspetto aveva la tua stanza?
Non avevo la mia stanza. Eravamo tre bambini e vivevamo con nostra madre a New York in un appartamento con una camera da letto. Il nostro soggiorno si trasformava in una camera da letto la sera.

Ti ricordi del tuo primo fidanzato?
Sì. Il suo nome era Ian e fu il mio primo grande amore a 18 anni.

Se tu avessi un desiderio ...
 ...Non essere più malata per tutta la mia vita. Sono sempre sopravvissuta, ma devo sostenere un intervento chirurgico a Natale. Sembra una storia infinita. La mia famiglia si è lentamente abituata a passare le vacanze in ospedale."

Francesco